CAPP

In ricordo di Giacomo Becattini

Alla notizia della morte di Giacomo Becattini, il pensiero va alle moltissime cose che ci ha insegnato e che continuiamo a insegnare ai nostri studenti

una nota a cura di Giovanni Solinas e Margherita Russo


Alla notizia della morte di Giacomo Becattini, il pensiero va alle moltissime cose che ci ha insegnato e che continuiamo a insegnare ai nostri studenti.

Sin dagli anni Settanta, il suo contributo teorico sull'analisi dello sviluppo locale diede una svolta radicale al dibattito economico, mettendo al centro dell'analisi il sistema di relazioni sociali ed economiche come motore del cambiamento. A partire dagli anni Ottanta, il dialogo con Sebastiano Brusco, che ha coltivato con amicizia e affetto, e si è dipanato per oltre un decennio nella Scuola di Artimino, ha dato avvio a un ampio fronte di discussione sulle politiche industriali e sullo sviluppo locale, che ancora oggi costituiscono un riferimento per chi intende incidere con analisi efficaci e proposte di interventi a sostegno dei processi di innovazione. La dimensione sistemica dei processi economici e sociali è il tratto rilevante di quella riflessione che, per Becattini, si è accompagnata negli ultimi decenni ad una continua osservazione sulle trasformazioni in atto su scala locale e globale, e alla necessità di dominare il cambiamento anziché subirlo. La rilevanza socio-economica dei sistemi di piccole imprese e delle loro forme particolari che sono i distretti industriali è stata al centro della sua analisi e ricordiamo tra i suoi molti contributi quello che tocca più da vicino: il suo incoraggiamento ai colleghi di Modena, a pochi giorni dal sisma in Emilia, perché il sisma fosse un'occasione per ricostruire meglio proprio il tessuto di relazioni essenziali per lo sviluppo distrettuale.

L'analisi rigorosa con cui impostava ogni discussione teorica ha accompagnato la formazione dei suoi allievi. A loro e ai suoi famigliari va il nostro più affettuoso pensiero.

Giovanni Solinas e Margherita Russo 
21 gennaio 2017

 

Archivio In primo piano